--- COMUNE DI SONA ---

Il Volontariato e la giornata ecologica di Palazzolo

 
COMUNICATO STAMPA   
28 aprile 2015 - Sona (Verona)
 
Il Volontariato sposa l'ecologia. La giornata ecologica del 28 marzo a Palazzolo.

Sona ha un territorio splendido, da far invidia ad altre realtà notoriamente turistiche. Ma va salvaguardato e tenuto pulito. Ecco perché quest’Amministrazione crede molto in iniziative tese alla scoperta, valorizzazione e tutela ambientale. La prima delle quali è stata a Palazzolo il 28 Marzo u.s.

“Talvolta non ci rendiamo conto delle bellezze dei nostri luoghi – afferma il Sindaco Gianluigi Mazzi -. Addirittura lo deturpiamo, con gli abusivismi, con i rifiuti abbandonati, con la trascuratezza. Tutto questo lo abbiamo constatato sabato 28 marzo quando un folto gruppo di persone, provenienti dagli alpini e podisti di Palazzolo, dall’associazione la Torre, ma anche semplici cittadini innamorati del loro territorio, hanno dedicato una giornata del loro tempo libero alla pulizia di questo Vajo che ha riservato non poche curiosità e sorprese.”

Non è una sorpresa il malcostume dell’abbandono dei rifiuti; sono stati raccolti una quindicina di  acchi grandi di rifiuto, con alcune e vere proprie chicche: una slot machine divelta, alcuni copertoni di trattore, un wc in ceramica, e poi una svariata collezione di bottiglie, lattine, vasi, sacchetti vari.

“La sorpresa invece – dichiara l’Assessore all’Ecologia Gianfranco Dalla Valentina - è stata man mano che si procedeva con la pulizia del Vajo dalle sterpaglie e rovi, trovare un luogo eccezionale per le sue caratteristiche di bosco ancora preservato, regolato dai ritmi della natura, che ha creato angoli suggestivi con alberi crollati e rampicanti che nascondono passaggi. E’ stata ritrovata anche la sorgente della Pissarola, ricordata nella memoria dei meno giovani del paese, ma che tanti non avevano mai visto. Ora, con altri momenti di volontariato, si vorrebbe valorizzare questo luogo con un circuito che arrivi al Belvedere.”
 
“Significativo è stato vedere i bambini – continua l’Assessore - che, coinvolti con entusiasmo nella raccolta dei rifiuti disseminati, si chiedevano il perché ci sono delle persone che abbandonano i rifiuti in un luogo così bello. Eppure accade, come accade lungo le strade e in molti altri luoghi. Dobbiamo pensare che noi siamo di passaggio e rischiamo di consegnare ai nostri figli un mondo peggiore di come l’abbiamo ricevuto. Auguriamoci che momenti come questi possano sensibilizzare sempre più persone ad una vera coscienza ecologica”.